BODY PARK JUDO CUS BERGAMO ASD

Giovanni Tosti argento a Conegliano nel Trofeo Internazionale “Judo Vittorio Veneto”

Sabato 22 febbraio si è svolta l’unica giornata di gare a Conegliano Veneto, in occasione del Trofeo Internazionale “Judo Vittorio Veneto”, giunto alla 33^ edizione e quest’anno costretto a chiudere i battenti dopo la gara di sabato, a causa dell’allarme Coronavirus.
Per i colori del Body Park erano presenti due atleti, Giovanni Tosti a 90 kg e Alice Noris a 57 kg. In gara anche Enrico Bergamelli (C.S. Carabinieri) che seguiamo sempre con affetto.
Giovanni Tosti parte subito bene contro Joey Gasparini (Sport Team), che batte grazie ad un makikomi valutato wazaari e osakomi a seguire. Nel secondo match si fa strada contro Vitalie Ursu (Dojo Equipe Bologna) prima marcando wazaari grazie ad un de ashi barai e chiudendo l’incontro con il secondo wazaari di sutemi. In semifinale trova il piemontese Gianluca Iudicelli (Accademia Torino) vicecampione italiano assoluto 2019. Giovanni fa un incontro accorto e su un attacco di uchi mata del piemontese, trova il tempo giusto per schivare e contrattaccare in sukashi: un ippon che vale la finale. A contendergli l’oro è Matteo Rovegno (Pro Recco Judo), che la spunta grazie ad un wazaari di seoi nage e il successivo di de ashi barai. Resta comunque la consapevolezza di aver combattuto al meglio con atleti di livello e, dopo lo stop per l’operazione, questo fa sicuramente bene al morale oltre che alla ranking list.
Per la juniores Alice Noris, che ha incrociato le prese con atlete mature, è stata senz’altro un’ottima esperienza, che si apre con la netta vittoria su Federica Sassano (Arti Marziali San Donà), sconfitta grazie ad un morote seoi nage valutato wazaari e al tani otoshi che chiude l’incontro prima del limite. Nel match successivo perde con Priscilla Quattrini (J.C: Sakura Osimo) per ippon e non viene recuperata. Sale sul podio anche Enrico Bergamelli (C.S. Carabinieri) a 100 kg. Dopo la sconfitta con Di Guida al GS, infila tre vittorie limpide con lo scozzese Calder, il piemontese Tkalez e in finale per il bronzo con William Raffi (Pol. Yubikai)