BODY PARK JUDO CUS BERGAMO ASD

Alice Noris e Andrea Biffi vincono il “Città di Melegnano”. Tra gli esordienti bronzo per Capelli, Pessina e Terzi

Il “Città di Melegnano” ha visto protagonista la squadra del Body Park, che nel weekend del 19 maggio ha centrato due ori e tre bronzi con il gruppo degli U15 e U18. Questi ultimi sono saliti sul gradino più alto del podio con grande personalità, mantenendo intatto il trend positivo che ne ha contraddistinto il percorso agonistico di questa stagione.

Partiamo da Alice Noris (52 kg) che prevale su due ottime atlete, provenienti entrambe dalle migliori scuole orobiche: batte infatti Sofia Dedei (Judo Club Clusone) grazie ad un wazaari conquistato su attacco di uchi mata e Giulia Trinca (Judo Bergamo) superata con un ko uchi makikomi valutato ippon. Alice con questa vittoria meritata, guadagna un posto di rilievo tra le cadette della sua categoria.

Decisamente perentorio anche il percorso di Andrea Biffi a 50 kg, dove al primo incontro batte Matteo Lovati (J.Cerano) grazie ad un ippon guadagnato per un lancio in sutemi, nel secondo match vince con Franceschini (J. Anaumia) con un ippon di seoi nage e chiude la giornata con la terza vittoria per ippon ai danni di Dell’Armellina (J. Fujiyama), questa volta piazzando un bel sode tsurikomi goshi. Più numeroso il gruppo degli esordienti A e B, che su sei iscritti porta a casa quattro medaglie, tutte di bronzo. L’unico esordiente A a centrare il podio è Luca Capelli a 45 kg.

Dopo un avvio incerto, in cui cede a Gabriele Brivio per ippon, inanella tre vittorie di fila, tutte per ippon di tai otoshi con Alessandro Iacovelli (Energy Mediglia), Matteo Sala (Judo Kosen) e Boselli (Le Sorgive). Niente di fatto invece per Ernest Baran a 50 kg, che perde due incontri.

Tra gli esordienti B ottima prova per Nicola Pessina a 66 kg, che conquista il bronzo grazie all’o goshi da ippon tirato al primo incontro a Marco Corbella e sempre con o goshi chiude i giochi con Andrea Chiellini (doppio wazaari). In semifinale è invece Eusebiu Buburuzanu (Le Sorgive) a piazzare yoko tomoe e bloccare in osae komi il portacolori orobico, che però nel match per il bronzo con Alexander Novikovas, dopo un passaggio al suolo, afferra in kesa gatame l’avversario e non lo molla fino al suono del gong.

Bronzo anche per Alex Terzi, che dopo la sconfitta subita con Federico Ninfo (J. Rozzano) per uchimata e sutemi, riesce a risollevare morale e testa e con due preziose vittorie spartisce il podio con gli altri atleti della categoria 60 kg. Batte Elia D’ambrosio (Judo Lario) per doppio wazaari di harai goshi, mentre con Valerio Spagoni (Gymnasium) ne basta uno per ottenere la vittoria per ippon.

Podio sfiorato invece per Ruben Beretta (42 kg esordienti B), che perde subito con Luca Macchi (Le Sorgive) per wazaari di morote e successivo bloccaggio al suolo e nella finale per il bronzo viene sconfitto anche da Gioele Corvi (Centro Judo Como) per un doppio wazaari di o uchi gari. Nulla di fatto per Fallou Diop che in un girone all’italiana a quattro, esce sconfitto dai suoi tre incontri combattuti contro Edoardo Elli (Eisho Club), Valentino Armeni (KDK Cremona) e Matteo Testi (KDK Cremona). Pasta, tecnico e accompagnatore della giornata, si è detto soddisfatto del livello espresso dai ragazzi: “Biffi e Noris sono maturi per fare risultati anche fuori regione e il gruppo dei più giovani sta crescendo, con una squadra che prende sempre più forma” le parole del tecnico alla fine della lunghissima giornata di gara.